Casa “Le tre Muse” respira l'arte

Le Muse sono considerate la fonte della conoscenza, incarnata nelle tre arti dell'antica cultura greca. La musica e le arti visive sono due di queste, la terza è l’amalgamante arte della cucina!

Essendo un musicista, provo che Deruta ed il suo paesaggio sono fonte d'ispirazione.
Ti invito a prendere Deruta come punto di partenza per visitare le città più belle d'Italia e scoprire il centro verde d'Italia: l'Umbria.
Cultura, storia e natura vanno di pari passo: Assisi, Perugia, Lago Trasimeno, il parco naturale dei Monti Sibillini con il Pian Grande... Leggi di più qui di seguito.

 

Il tuo host, Onno Verschoor

Informazioni

  • Deruta +

    Deruta
    Storia

    Le origini della città risalgono ai tempi antichi. Quando Perugia conquistò il territorio nel XII secolo, Deruta fu trasformata in una fortezza di confine per difendere Perugia contro Todi e altri potenziali nemici, ma dal XIII secolo Deruta aveva un proprio statuto e si governava in modo indipendente. Il XIV e il XV secolo furono periodi di grandi sconvolgimenti con dominazioni alternate, distruzione e piaghe su larga scala. La dominazione della famiglia Baglioni di Perugia nel 1500 fu l'inizio della ricostruzione della maggior parte della città e fece sì che Deruta fosse in grado di risorgere dalle sue ceneri.

    Durante la guerra del sale del 1540, Deruta si schierò con la Chiesa Cattolica Romana, che vinse la guerra e premiò la città scagionandola dal pagare le tasse per molti anni. Da quel momento in allora fu parte degli Stati Papali fino all'Unificazione d'Italia. Dalla metà del 1500 la città ha goduto di un lungo periodo di pace che ha coinciso con un picco storico nella produzione di maiolica che ha reso Deruta famosa in tutto il mondo.

    Ceramica Maiolica

    L'argilla locale era buona per la ceramica, la cui produzione iniziò nell'inizio del Medioevo, ma trovò il suo picco artistico nel XV e all'inizio del XVI secolo, con stili locali altamente caratteristici. Nel XVI secolo Deruta produsse il cosiddetto “Rafaellesco”, decorato con arabeschi fini e grottesche su un bel terreno bianco. Deruta ha oltre 200 laboratori di ceramica, la maggior parte dei quali vende i propri prodotti insieme ad altri negozi al dettaglio che espongono e vendono prodotti in ceramica.

    Arte e Cultura

    Nel centro storico si vede la porta di città di San Michele Arcangelo, con tracce delle antiche mura cittadine ai lati. La fontana poligonale fu costruita dai Quinqueviri, banchieri pubblici, nel 1848. Piazza dei Consoli si apre poco più e presenta il Palazzo Comunale, municipio, che ospita la Galleria d'Arte contenente un'importante collezione di dipinti delle chiese di San Francesco e Sant'Antonio.

    Di fronte all'edificio comunale si trova la chiesa di San Francesco in stile gotico. Accanto a questo si trova l'ex convento, fondato nel 1008 dai monaci benedettini e poi dato ai francescani, dove si possono ammirare le magnifiche ceramiche del periodo arcaico ad oggi. Degna di nota è la chiesa di Sant'Antonio Abate che contiene significativi affreschi di Bartolomeo e Gian Battista Caporali.

    Nelle vicinanze si può visitare il Santuario della Madonna dei Bagni, che contiene una straordinaria collezione di piastrelle in ceramica votive fatte dalla gente del posto nel corso degli ultimi quattro secoli. Meritano una visita anche Castellone e le rovine del castello di Casalina.

  • Città e borghi +

    Città e borghi
    Borghi più belli...

    I borghi dell'Umbria sono piccoli splendidi capolavori a grandezza d'uomo: piazze, castelli, chiese, campanili, paesaggi, festival, prodotti tipici e storie uniche.

    Insieme a Deruta, ci sono molte città che appartengono al cosiddetto “Borghi più belli d'Italia". Tutti conoscono le famose città monumentali Assisi, Perugia, Gubbio e Orvieto. Qui nomino alcune gemme da visitare durante il vostro soggiorno a Casa “Le tre Muse”. Ma ogni borgo nei dintorni vale la pena una visita.

    Trevi

    Trevi è un piccolo paese su una collina nel cuore dell'Umbria, ed è ricco di storia e arte.
    Trevi era originariamente una provincia degli Stati Pontifici, ma come in altre città dell'Umbria il potere politico era in realtà esercitato da un piccolo numero di famiglie nobili, a cui si dava gran parte del patrimonio artistico e culturale alla città che vediamo oggi.
    La città è famosa per il suo buon olio d'oliva e sedano.

    Spello

    Questa città si trova sul fianco meridionale del Monte Subasio, tra Assisi e Foligno. Strade medievali tortuose, antiche chiese e la ricca architettura sono testimonianze del suo patrimonio ambientale, culturale e artistico.
    In estate, il clima caldo mette a punto perfettamente le case color miele e i fiori senza fine. Si può letteralmente sentire la freschezza dei fiori nell'aria.
    L'antico centro della città di origine umbra, “Hispellum” risale al I secolo a.C. Mostra prove importanti e impressionanti del periodo romano che coesiste splendidamente con l'aspetto urbano medievale di oggi.

    Spoleto

    Situata nella sud-est dell'Umbria, Spoleto è una delle città d'arte più affascinanti della regione. La sua ricchezza di storia, il patrimonio culturale vario e importanti eventi artistici lo rendono una delle destinazioni turistiche più apprezzate dai visitatori.
    Come importante insediamento umbre fortificato, Spoleto divenne una colonia romana. Dopo la caduta dell'impero romano, fu preso in consegna dai bizantini. All'inizio del Medioevo, fu conquistata e distrutta da Federico Barbarossa. Testimonianze sono la fortezza medievale e l'acquedotto romano e anfiteatro.

    Todi

    Come in uno scenario fiabesco, Todi è arroccato su una collina alta sopra il tortuoso fiume Tevere, dove si può godere una grande quantità di arte. Todi e la zona circostante hanno una collezione d'arte tra le più ricche d'Italia.
    Vale la pena di degustare i vini locali tra cui “Grechetto” e “Trebbiano”, già noti dai tempi antichi.

    Castiglione del Lago

    Castiglione del Lago è un grazioso villaggio su una penisola sulle rive occidentali del lago di Trasimeno, verso nord-est della regione dell'Umbria, nell'Italia centrale. Il territorio era originariamente soggetto al dominio degli Etruschi e dei Romani, poi dal XIII secolo la città ebbe una grande importanza strategica perché controllava le strade che andavano da Roma a Firenze. La maggior parte delle prime mura difensive intorno alla città è tutt’ora visibile.

  • Umbria e la sua storia +

    Umbria e la sua storia
    Il cuore verde d'Italia

    In letteratura, l'Umbria è indicata come Il cuore verde d'Italia o Il cuore verde dell'Italia. La frase è tratta da un poema di Giosuè Carducci, il cui soggetto è la fonte del fiume Clitunno in Umbria.

    L'Umbria è un paradiso incontaminato e delizioso, con solo un ambiente rurale e nessun intreccio di altri confini di campagna o della costa. È ammirata come una versione tranquilla della bella e affascinante regione della Toscana ed è diventata una destinazione molto desiderata per coloro che cercano qualcosa di unico.

    Storia

    Situato nell'Italia centrale, l'Umbria ha preso il nome dagli Umbri, un'antica tribù di persone che si stabilirono nella zona intorno al VI secolo a.C. Le città di Perugia e Orvieto appartenevano ai territori etruschi. Mentre Gubbio era il cuore della vita umbra. Non passò molto tempo prima che la regione catturasse l'attenzione dei colonizzatori romani, che iniziarono a prendere il controllo dell'area con la concorrenza degli Etruschi. Dopo il declino dell'impero romano, la regione fu invasa dai barbari.

    La mancanza di un potere politico forte nel Medioevo permise ai lombardi di prendere possesso del territorio e di creare il Ducato di Spoleto dal VI secolo fino al XIII secolo, fino a quando l'Umbria divenne parte dello Stato Papale. La città di Perugia godette di una certa autonomia, con grande avversione dei papi successivi. Uno dei lussi concessi alla città era il sale esentasse. L'improvvisa introduzione di una tassa sul sale da parte di Papa Paolo III causò la ribellione. Il Papa inviò le sue truppe in città, costringendola alla resa.

    Pace e bellezza ora risiedono nella sonnolenta regione dell'Umbria, un forte contrasto con la sua turbolente storia. Lo scenario mozzafiato la rende una destinazione di vacanza desiderabile da visitare.

    Patrimonio dell'UNESCO

    L'Umbria è sede di molti siti UNESCO. Tra questi Assisi, la chiesa di San Damiano, L'eremo dei Carceri, il Santuario di Rivotorto e il suo paesaggio storico, la Basilica di Santa Maria degli Angeli e Palazzo del Capitano, la chiesa di San Salvatore a Spoleto e il Tempietto del Clitunno. Vi suggerisco di visitare questi luoghi significativi che rimarranno ricordi indimenticabili del vostro viaggio.

  • Montagne e lago +

    Montagne e lago
    Monti Sibillini e Pian Grande

    I Monti Sibillini sono una delle zone più belle d'Italia incastonate tra l'Umbria e le Marche. Il parco nazionale dei Sibillini è costellato di borghi medievali, splendide foreste e panorami mozzafiato. Qui non troverete orde di turisti come in altre regioni d'Italia, quindi non c'è motivo migliore per godere e scoprire questa magica e modesta zona del paese.

    Una delle cose migliori da fare nel parco è raggiungere il Monte Sibilla e chiedere alla gente del posto circa l'antica leggenda della zona. Sibilla è conosciuta fin dal Medioevo come terra di fate, demoni e magia legata alla Profetessa Sibilla, che si dice abbia vissuto nell'omonimo monte.

    Il Pian Grande è una grande pianura da ammirare in primavera, quando fioriscono erba e fiori. È inanellato nel pendio del punto più alto del massiccio dei monti Sibillini, il Monte Vettore. Si possono fare escursioni e raggiungere la cima per ammirare le valli e fiumi sottostanti.

    Il quarto lago più grande d'Italia

    Il lago Trasimeno è un bellissimo lago situato nella regione dell'Umbria. È circondato da suggestivi castelli e affascinanti borghi medievali tra cui Passignano e Castiglione del Lago. Anche piccoli ma unici vigneti fiancheggiano il lago e sono una scoperta fantastica per alcuni vini speciali che possono essere prodotti solo nel microclima del lago.

    Il lago offre ristoranti di pesce lungo la riva, dove si può mangiare pesce locale. I più sportivi possono noleggiare una barca (vela) o nuotare nell'acqua mite.

    Si dovrebbe assolutamente fare un viaggio in traghetto per una delle isole. Qui, alcune belle sorprese storiche vi aspettano. È ben possibile passeggiare, fare un pranzo meraviglioso o prendere un gelato, prima di tornare a riva.

  • Olio e vino +

    Olio e vino
    Tradizione dell'olio d'oliva

    In Umbria, la tradizione dell'Olio d'Oliva ha origini molto antiche. Si suppone che gli Etruschi furono i primi a iniziare la coltivazione dell'ulivo, che si sviluppò in gran parte durante l'Impero Romano, quando molti patrizi scelsero le terre umbre come loro ville di campagna.

    Tradizionalmente, le olive vengono raccolte sia a mano che con l’aiuto di uno scuotitore, poi lavate e frante entro le 12 ore successive. L’estrazione viene effettuata con un frantoio di tipo continuo. L'olio umbro costituisce solo circa il 2 per cento della produzione italiana di olio d'oliva, ma vince una percentuale molto maggiore di premi.

    Regione vinicola

    La cantina più famosa dell'Umbria è la Cantina Lungarotti che si trova vicino al confine della Toscana. La cantina è stata responsabile del primo DOC (e di Origine Controllata) della regione, in quanto ha aumentato gli standard di produzione e qualità negli anni '60. L'etichetta DOC sul vino garantisce una certa qualità. La cantina rende omaggio alle tradizioni della regione con un museo del vino e dell'olio d'oliva e una base per le tradizioni agricole della terra. La vicina città di Deruta, Torgiano, ha un museo della cantina che racconta tutto della sua storia.

    Non dimenticate di assaggiare un altro vino famoso: il Montefalco Sagrantino. Questo eccezionale vino impenetrabile proviene da cantine nei dintorni di Montefalco. Quando soggiornate a Casa "Le tre Muse", è solo una breve corsa per visitare questa città idilliaca.

  • Altre risorse +

    Umbria Tourism

    Questo è il portale ufficiale della Regione Umbria per il turismo. Contiene una vasta panoramica dei luoghi culturali, borghi, siti religiosi e patrimonio UNESCO in tutta la regione. Qui trovi eventi, esperienze, escursioni, artigianato, parchi naturali e molto di più. Puoi pianificare il tuo viaggio e scoprire come arrivare e muoverti in Umbria e creare il tuo itinerario attraverso le meraviglie umbre.

    I Borghi più belli d'Italia

    Questa Associazione seleziona una rete turistica di eccellenza, composta da borghi che appaiono sotto un marchio e un logo comuni, la cui attività nell'accoglienza, nella manutenzione e nello sviluppo del turismo è continuamente monitorata. Deruta è elencato in questa rete. Sul loro sito trovi, oltre a una panoramica del “Borghi più belli”, dei eventi, le esperienze e una guida.

Contattami quando hai una domanda o una richiesta speciale.

Trova l'indirizzo e-mail, i numeri di telefono e la posizione di Casa “Le tre Muse” qui.

Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza possibile sul nostro sito web. Puoi leggere maggiori informazioni sulla nostra politica sulla privacy.